venerdì 11 luglio 2014

Ghirlande & Co.






E' un luogo comune associare l'immagine della ghirlanda alla Svezia, o alla Scandinavia, o all'Inghilterra, ma io le ho sempre adorate fin da quando ero bambina: le trovavo magiche. 
Da noi, ai miei tempi (sto parlando del giurassico avanzato!!), non se ne trovavano forse perché il nostro Paese è pieno di fiori, piante, colori, sole e per abbellire una casa non abbiamo bisogno di rami intrecciati e pigne ecc... però a me piacciono, che ci posso fare!!!!!
E' da tempo ormai che per me i boschi non sono solo boschi, il mare non è solo mare e i prati non sono solamente prati....per questo a casa ho pezzi di Dolomiti, quasi l'intera spiaggia di conchiglie della Sardegna e collezioni varie di spighe di grano, fiori secchi, pigne raccolti qua e là durante le mie uscite!!!
Quando inizio a intrecciare una ghirlanda è come se il tempo si fermasse... per un momento vivo in un mondo parallelo fatto di odori e colori e forme e, magicamente, tutti i problemi che mi assillano assumono un'altra forma e riesco a vederli in un'altra prospettiva e, alla fine del lavoro, riesco a trovare il modo per risolverli.....
Le ghirlande di Natale sono un classico









...e poi ti lasci prendere la mano!!!










...e così all'infinito....ma mica posso metterle tutte qui???? Venitemi a trovare nel mio laboratorio e vi racconterò tutta la loro storia!!!
Vi aspetto :)

Nessun commento:

Posta un commento

Ricetta del buonumore

E' chiaro a tutti: io non faccio parte di quella fortunatissima schiera di persone che quando sono nervose si dimenticano di mangia...