mercoledì 29 ottobre 2014

Buongiorno





Perché la mattina ci alziamo presto, accendiamo il computer e ci diciamo "buongiorno" tramite i social? Ce lo siamo mai chiesto? 
Io lo faccio perché è è la chiave che mi permette di aprire la porta per entrare, anche solo un istante, nel mio universo parallelo fatto di aria frizzantina, di aroma di caffè che avvolge tutta la casa e odore della brace del fuoco del giorno prima ancora calda nel camino.
 Mi aggiro silenziosa per casa e mi accerto che tutto vada bene: mio marito che legge due pagine di libro prima di alzarsi, mio figlio che respira profondamente sotto le coperte e, sulla sua scrivania, ancora i libri aperti dell'esame che sta preparando, le mie lane colorate ansiose di conoscere cosa diventeranno...va tutto bene e continuo a sorseggiare la mia tazzina di caffè guardando fuori dalla finestra  cercando di intuire  il tempo meteorologico che ci aspetta...
Questo è il modo che ho per caricarmi prima di affrontare il resto del giorno perché so che, uscendo dalla porta del mio mondo parallelo, mi aspetta il rumore del traffico, mi aspetta la sensazione di dolore che possono avere una mamma e un papà che hanno perso due figli nello stesso istante, mi aspetta il suono del  pianto straziante di una mamma la cui figlia è stata impiccata dallo Stato colpevole di essere sopravvissuta a uno stupro......
Ma, per ora, sono ancora  al sicuro nel mondo ovattato del mio risveglio perciò Buon giorno gente, buon giorno a tutti voi che state iniziando la giornata, un'altra giornata e già questo è un dono perché abbiamo un'altra possibilità di terminare ciò che abbiamo iniziato ieri o di riparare ciò che ieri si è rotto e non sappiamo come andrà a finire........
Buon giorno bella gente!
BUONGIORNO!!!!! :)

domenica 19 ottobre 2014

Take a breath





Quale è stato il momento esatto in cui abbiamo deciso che la Natura, Madre di tutti gli uomini, dovesse essere mandata ad una casa di riposo e lì abbandonata salvo andarla a trovare una o due volte l'anno in maniera scomposta e chiassosa e senza portarle neanche un piccolissimo presente?
Non prendiamo scuse inutili tipo quella che andiamo sempre di corsa per via dei milioni di impegni che ci riempiono le giornate, quando sappiamo benissimo che, se continuiamo a trascurarla in questo modo, non avremo più giornate da riempire!
Prendiamo fiato ogni tanto e guardiamoci intorno e godiamo dei colori che infiammano i boschi piuttosto che i parchi cittadini o solamente l'albero che resiste coraggioso in mezzo ad un marciapiede.... Non ci vuole molto, basta prenderci dieci minuti al giorno tra un impegno e un altro e rallentiamo il passo. Non serve andare in montagna o in riva al mare o al lago, non serve percorrere chilometri di strada, basta andare nel parco...ogni città ha un parco: grande, piccolo, un giardino appena, non ha importanza, rallentiamo!
Io vi presento il mio, a due passi dalla città (beh! città è una grande parola...a due passi da casa è l'espressione più appropriata!!!) , sembra di stare in alta montagna e invece è dall'altro lato della strada!!!!


Si tratta del piccolo Santuario della Madonna D'Appari che si trova a Paganica, comune de L'Aquila. E' una piccola chiesetta incastonata nella roccia meta antica di pellegrinaggi...






(Particolare degli affreschi all'interno)

Intorno alle mura è tutto un intrico di edera, cespugli di biancospino, alberi di ippocastani, noci, mele selvatiche, e un delizioso ruscello che intona un'allegra musichetta insieme al vento che si diverte a solleticare le gole della roccia.









Impegniamoci a prendere fiato ogni tanto e riflettiamo su come siamo stati fortunati noi a "sentire" la natura anche attraverso i versi dei poeti, le parole degli scrittori, le note dei musicisti....al contrario, i nostri figli, stanno avendo in cambio libri, musiche e poesie che parlano di morte, distruzione e guerre!


Crema di limoncello

Questa volta sono portatrice sana. Non è farina del mio sacco, mi limito solamente a raccontare. Il fautore di questa delizia è lui... ...