giovedì 4 febbraio 2016

Il carnevale Aquilano







“Ciascun suoni, balli e canti!/Arda di dolcezza il core!/Non fatica, non dolore!/Ciò c’ha esser, convien sia/Chi vuol esser lieto sia:/di doman non c’è certezza.” (Trionfo di Bacco e Arianna – Lorenzo Dé Medici)



Così recita il più famoso dei canti carnevaleschi ed è un coro libero e festante che incita a godere di ogni attimo della vita perché “di doman non c’è certezza”!! Lo scrisse Lorenzo il Magnifico in occasione del carnevale del 1490 dando il via a tutte le sontuose messe in scena di carri e maschere a cui prendevano parte popolo e borghesia insieme.
Un tempo, in Abruzzo, dove tutte le attività quotidiane della pastorizia e del lavoro dei campi era intriso di religiosità e simbolismi, il Carnevale era la festa per eccellenza, quella piena di riti di passaggio che accompagnava il sopraggiungere della primavera e la fine dell’inverno.


In un periodo che andava dal giorno di Sant’Antonio Abate (17 gennaio) fino al martedì grasso i carnevali contadini animavano le contrade di campagne e le piazze dei borghi e delle città con sfilate di maschere, balli, dolci fritti di ogni genere l’usanza di bruciare un fantoccio di cartapesta raffigurante l’anno appena trascorso e spargerne le ceneri nei campi come augurio per buoni raccolti.


A L’Aquila si dice “Candelora (2 febbraio), Santo Biasciola (3 febbraio) e Carnevale”, stando a significare che i festeggiamenti iniziano il 4 di febbraio in segno di lutto per ricordare il tremendo terremoto che il 2 febbraio del 1703 distrusse la città, ma dopo questa data fuoco ai fornelli e si inizia a friggere e come sfuggire alla bontà delle frappe aquilane! 


Se volete farle con le vostre mani, in barba all’odore di fritto che si insinuerà tra i vostri capelli, eccovi la mia ricetta: 500 gr di farina, 3 uova, ½ bicchiere di vino bianco, 5 cucchiai di zucchero, ½ bicchiere di olio, buccia grattugiata di un limone. Mettere la farina su una spianatoia a fontana e impastare tutti gli ingredienti, fare un panetto e metterlo a riposare per un’ora sotto una pentola, trascorso il tempo necessario, stendere l’impasto con il mattarello (o con la macchina per la pasta) e tagliate la sfoglia a forme irregolari. Scaldare l’olio (o lo strutto) in una padella e appena pronto friggervi le frappe, scolarle su una carta assorbente e cospargerle di zucchero a velo, di miele millefiori o di cioccolato fondente precedentemente fuso a bagnomaria e che Carnevale sia!



Le mie storie di fili

In quanti modi si possono scrivere le storie? Con la penna certo, con la tastiera di un computer, con il pennello dipingendole, io le...