martedì 31 dicembre 2013

BUON ANNO





Eccoci qui di nuovo al 31 dicembre ed eccoci qui tutti insieme ad augurarci che l'anno che verrà possa regalarci un po' di serenità e tanti sogni realizzati...
Io ve lo voglio augurare con una poesia di Renzo Pezzani, uno scrittore a cui io sono molto legata perché sa trovare sempre le parole giuste; per ogni evento o occasione lui ha sempre pronto un racconto, una poesia, una filastrocca che ci da sempre tanta speranza...quindi ecco a voi l'anno nuovo!!!
**
*****
**
Indovinami, indovino,
tu che leggi nel destino:
l'anno nuovo come sarà?
Bello, brutto o metà e metà?
Trovo stampato nei miei libroni
che avrà di certo quattro stagioni,
dodici mesi ciascuno al suo posto,
un carnevale e un ferragosto,
e il giorno dopo il lunedì, sarà sempre martedì.
Di più, per ora, scritto non trovo:
per il resto, anche quest'anno, sarà come gli uomini lo faranno.



A U G U R I  A  T U T T I   

giovedì 26 dicembre 2013

Il mio filo di lana





Un anno fa iniziava la mia avventura: inseguendo un sogno, guidata da un filo di lana, decisi di aprire un laboratorio di maglieria-sartoria a Ovindoli (splendido paese montano situato nel bel mezzo del Parco Regionale Sirente-Velino, a 1400 metri di altezza, in provincia de L'Aquila) e chiamarlo "I campi di mais".
Il tempo è passato "velocissimamente", me ne accorgo soltanto ora che sto rimettendo a posto un po' di foto e appunti. Sembrava proprio ieri che stavo sperimentando una nuova lana autoctona


il filo era abbastanza sottile e mi sono divertita a realizzare un paio di scaldapiedi...ma pian piano mi sono lasciata prendere la mano; le idee mi si accavallavano nella testa e appena iniziavo un nuovo progetto ne avevo un altro in mente...


ecco no scaldacollo a punto canestro


e un paio di scaldamani


e un basco a punto chiocciola


una sciarpina a punto stella...


...e uno scaldacollo "Irish roses"...


aiuto...non riesco a fermarmi!!!!!


Ecco svelato il mistero.....questo bellissimo filato si chiama "AquiLana": è morbido, bianco e profuma di montagna...

Strada facendo mi sono imbattuta in altri filati e ho sperimentato altre tecniche come, per esempio, la forcella


all'inizio non sapevo bene come sarebbe venuto il lavoro e mi sono limitata a fare uno scaldacollo...


ma poi mi sono divertita e sono andata un po' oltre...


...ed è venuta fuori una maglia!!

E giorno dopo giorno le mie mani non sono riuscite più a fermarsi continuando a intrecciare fili e colori e forme...


fiori profuma ambienti


calzini


scarpine da neonato


poncho con inserti in lana cotta


cappello gufo


lana tinta con cardo mariano e vin o rosso


lana naturale e trecce: binomio perfetto


ancora poncho

copertina neonato
...e ancora e ancora e ancora......
Questo è solo l'inizio della mia avventura, altre strade ho da percorrere e altre idee da realizzare.
Se vi siete incuriositi e volete vedere altri miei lavori, ho pubblicato ulteriori foto  sulla mia pagina facebook "I campi di mais": cliccate "mi piace" e aprite la porta, sarete i benvenuti!!! :)
Se, invece, vi piacerebbe realizzarne qualcuno, dall'anno prossimo cercherò di pubblicare su questo blog alcuni tutorial...
In ogni caso restate sintonizzati, grandi novità vi attendono!!!!!



mercoledì 25 dicembre 2013

Buon Natale





Sono abbastanza antica per dire che il Natale della mia infanzia era profumato di arance e mandarini e di frittelle di mele e fichi secchi; l'albero di Natale era un abete vero, questo vuol dire che per venti giorni la casa era aromatizzata alla resina. 
L'altro giorno, ripensando a queste cose, ho pensato di condividere con voi il mio Natale bambino e una mia amica virtuale (Poutpourri Fantasia) è stata così gentile da impaginarla.....
Ecco qua, questi sono i miei sinceri auguri per un sereno Natale :)


martedì 17 dicembre 2013

...and the winner is..............



...E' consuetudine da noi (in Italia) iniziare a pensare al periodo natalizio dal giorno che ricorda l'Immacolata Concezione (8 dicembre).
Improvvisamente tutte le case si illuminano di luci multicolori, le persone che incontri per strada sembrano quasi sorriderti e una strana aria di attesa avvolge tutti e tutto.....
A Ovindoli il nastro di partenza delle festività dicembrine è tagliato da "Cioccovindoli" che è sì un mercatino di Natale, ma è zampogne, giocolieri, vin brulé, e cioccolato....una marea di cioccolato in tutte le sue ghiotte e svariate forme!!!!
Nel mio laboratorio, in questa occasione, ho istituito un gioco a premi e,  coloro che hanno acquistato i miei prodotti per un valore minimo di € 15.00,  hanno ricevuto  un biglietto abbinato al numero della ricevuta di pagamento. I premi in palio sono stati tre: uno scaldacollo (ma anche cappello) 1° premio; un paio di scaldamani 2° premio e una pecorella di lana cotta 3° premio. 

Il primo premio è abbinato alla ricevuta n. 178
Il secondo premio è abbinato alla ricevuta n. 193
Il terzo premio è abbinato alla ricevuta n. 189

Il filmato dell'estrazione lo trovate qui:  " https://www.facebook.com/groups/334410299983799/ " è una pagina facebook che si chiama "I campi di mais" [guarda caso!!!!!! =) ]

Controllate e fatemi sapere così posso spedivi il premio.
Auguri a tutti :)










mercoledì 4 dicembre 2013

Il mio dicembre


I mesi passano, passano le stagioni ed eccoci qui di nuovo a dicembre......
Dicembre era l'ultimo mese dell'anno nell'antico calendario romano che si suddivideva in 10 mesi (da cui il nome); è il mese del solstizio d'inverno, quello che segna il passo, quello che ci traghetta in un nuovo anno...quello stanco e disilluso...è forse per questo che nell'immaginario collettivo è raffigurato  come un vecchio raggrinzito e bisbetico con irsuta barba grigia che imbacuccato arranca solitario lungo una strada lunga e buia????
Eppure è il mese più festaiolo e luminoso dell'anno; è il mese santo della nascita del Salvatore, degli alberi addobbati a festa, dei presepi, delle luminarie, della neve, dei caminetti accesi, dei cuori caldi.....come abbiamo potuto renderlo così arido!!!!!
E' successo che abbiamo smesso di  godere delle bellezze della natura, siamo diventati ciechi; siamo talmente intenti a correre da un posto ad un altro che non ci accorgiamo neanche del colore del cielo, ma ci limitiamo a vederlo in televisione o su un "up" imprigionato  nella grafica delle previsioni meteorologiche!!! 
Beh! io ve lo voglio mostrare questo dicembre, il mio dicembre e chissà che non assomigli un po' al vostro!!!

brinata mattutina


giù e su
su e giù

neve a cuore


tante pigne...tanta neve


bacche di rosa canina (tante bacche...tanta neve!!!)

sotto l'acqua fame, sotto la neve pane



meline :)


cielo a pecorelle.......


quando il sole la neve indora, neve, neve e neve ancora!

alba rosa




numero civico 12 di Via Umberto I a Ovindoli (AQ) - I campi di mais



Lavanda mon amour

Esistono degli odori che inconsciamente ci riportano indietro nel tempo, ci fanno immaginare un vissuto non vissuto se non nei ra...