giovedì 3 agosto 2017

Brioche e caffellatte





Se la colazione fosse un odore, la mia avrebbe il profumo del caffè della moka e delle brioche calde.
Un po' come le "madeleine" di Proust, sono quegli odori che rimangono nello scompartimento dei ricordi e che escono fuori ogni volta che si ha bisogno di sensazioni positive per poter affrontare momenti difficili.



Per affrontare il caldo di questa rovente estate, ho preso la piacevole abitudine di alzarmi presto la mattina. Nella mia stanza preferita riordino appunti, disegno progetti filosi, cucio un po', insomma traccio il sentiero della giornata che sta per incominciare. E' bello farlo all'alba perché tutto si muove più lentamente, come se il tempo rimanesse sospeso per un po', il giusto necessario per poter prendere fiato prima che gli avvenimenti prendano il sopravvento.


L'altra mattina, mentre sfogliavo un libro, improvvisamente mi è venuta voglia di brioche, di quelle che mia mamma scaldava al forno la mattina e io e i miei fratelli  mangiavamo a colazione.
Giro in rete e, tra mille, trovo una ricetta che mi sembra buona e veloce al tempo stesso, proprio quello di cui ho bisogno per fare una sorpresa al resto della truppa una volta svegli.


La ricetta di questi cornetti potete trovarla qui se avete voglia di provare; io ho utilizzato solo farina di grano (perché la manitoba non è nella mia dispensa), non ho aggiunto la buccia di arancio (perché questa non è stagione) e al posto del miele ho utilizzato lo sciroppo di fiori di tarassaco che ho fatto la primavera scorsa.



Farciti con la marmellata.....

  
...e inzuppati nel caffellatte....


...una vera bontà!


Ogni tanto una coccola fa bene al cuore, diciamolo e allora lasciamoci trasportare dai nostri ricordi e riempiamoli di poesia, ci aiuteranno ad alleggerire le giornate.


"Un poeta Persiano ha paragonato l'Universo ad un antico manoscritto del quale la prima e l'ultima pagina sono andate perdute. E' solo un'immagine poetica, eppure alla ricerca di quelle pagine si sono avventurate, nei secoli, tre intrepide carovane: i filosofi, gli scienziati e i poeti. Solo i poeti riusciranno a trovarle, ma non saranno creduti" (da Sul treno di Babele, sognando Brodway. Vittorio Salvati)








Nessun commento:

Posta un commento

Artigiano questo sconosciuto

A r t i g i a n o Per le Camere di Commercio : "Ai sensi dell’art. 2 e 3 della L.443/1985 è artigiano colui che: - &quo...