giovedì 11 ottobre 2012

Field of dreams



Cornfield, così suonerebbe I Campi di Mais in inglese.
Ancora era un sogno e io avevo già scelto il nome della mia attività: è un segno!
Perché proprio il mais? Perché porta fortuna? Può darsi, ma la scintilla è scoccata dopo aver visto un film con Kevin Kosten e Ray Liotta: "Field of dreams".... io ci ho messo un po' più di tempo per capire la voce che mi ripeteva "go the distance", però ho costruito ugualmente  il mio campo da gioco e sapete cosa? Sa di buono

Nessun commento:

Posta un commento

Le mie storie di fili

In quanti modi si possono scrivere le storie? Con la penna certo, con la tastiera di un computer, con il pennello dipingendole, io le...