domenica 23 dicembre 2012

"Non sono cattivo...mi disegnano così!"



Ho una notizia per voi che leggete, un vero scoop: Grinch non si nasce!
Lo so, credevate che fosse così, ma non è vero...Grinch lo si diventa, ma non così, da un giorno a un altro, bensì un po' per volta.
 Si inizia dal togliere tutti i canti di Natale, poi elimini i dolcetti che profumano di mele e cannella, quindi è la volta del calendario dell'avvento e si continua con le candele le tendine e le ghirlande, infine si abolisce anche l'albero di Natale e il Presepe....
 Missione compiuta: sei ufficialmente un Grinch!
Da quando la mia casa è diventata così fredda nel periodo di Natale non so dirlo con esattezza, o forse sì e non voglio ammetterlo, chi può dirlo!!! La cosa certa è che Natale non mi scalda più il cuore come una volta e non credo si tratti solamente di età che avanza. E' come se il mio io si fosse barricato nel posto più profondo del mio corpo e impedisca l'ingresso al più piccolo dei  ricordi di Natali passati e non si lascia corrompere neanche dalla neve che cade lenta disegnando paesaggi da cartolina.
Non sono cattiva, non odio il Natale, sono solo immensamente triste!
 







4 commenti:

  1. Perché sei così triste Antonella?
    Grandi cose ti aspettano, hai un nuovo sentiero da percorrere e nuove avventure da affrontare......
    fa che questo Natale sia l'inizio di un sogno da realizzare.
    Un abbraccio Marialisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marialisa, buon Natale anche a te :)

      Elimina
  2. Anto alla fine anche il Grinch comprende che non sono i doni, non è l'albero o il resto intorno, ma sono le persone ed il loro spirito a rendere il Natale così speciale. Da quando ti conosco ho sentito grazie a te grande amore e solidarietà e vicino a te per me è stato Natale tutti i giorni! Lascia andare la tua amata città, lascia andare il resto che non hai messo e che non vuoi, stringiti ai tuoi cari e sentiti soddisfatta, hai tutto ciò che conta! Ti arrivi tutto il mio affetto. Vale

    RispondiElimina

Mugcake. Sognando Amsterdam

Pomeriggio intenso di lavoro di un inizio settimana tutto da programmare. Parole, immagini, progetti, schemi...e all'improv...