martedì 11 aprile 2017

Pupe e Cavalli - Sapori d'Abruzzo







L'uovo di Pasqua della mia infanzia era a forma di... bambola, anzi di Pupa.
Per capire quanto fosse radicata questa usanza in Abruzzo, veniteci in vacanza durante la settimana Santa e mentre passeggiate fra i trabocchi della costa Teatina e le dolci colline Pescaresi o negli antichi borghi tra la Majella e il Gran Sasso sentirete nell'aria inebrianti profumi di mandorle tostate, biscotti dorati, zuccherini colorati. L'arte dolciaria Abruzzese è varia almeno quanto la Regione stessa.

                                        

Pupe, cavalli e cuori questi sono i biscotti di Pasqua; un tempo si scambiavano in questo giorno insieme alle promesse degli innamorati, poi ne hanno preso possesso i bambini. L'uovo è sempre presente perché simbolo di nuova vita, di fecondità, di buona sorte, gli zuccherini colorati perché sono allegri proprio come i sorrisi dei bambini. In alcune  località sono ricoperti da una glassa al cioccolato o dalla pasta di mandorle, in altre semplicemente uova, zucchero e farina.
L'unica cosa difficile è....mangiarli. Non si sa mai da che parte iniziare: "e se poi si fa male? Ma se inizio dai capelli rimane calva? e le zampe che poi non può più correre?" 

  
 Quest'anno mi sono voluta divertire e ho ritrovato nel cassetto dei ricordi la ricetta di mia nonna (ah! le nonne, riuscite voi a immaginare un mondo senza?) o meglio, ho cercato di dare una quantità definita a ciò che lei faceva "a occhio" ed ecco qua:
500gr. di farina
4 uova + 1 per il decoro
5 cucchiai di zucchero
1 bicchiere di latte
1 bicchiere di olio
1 bustina di lievito vanigliato
zuccherini per decorare
In un piano di lavoro impastate tutti gli ingredienti e lasciar riposare il panetto ottenuro una mezz'ora coperto con un panno. Poi affinate con un mattarello e ricavate le figure con uno stampo o "a mano" lasciando libera la vostra fantasia, magari impasticciando insieme ai bambini. Infornate a 180° per 40 minuti e voilà


Che dirvi: Buona dolce Pasqua :)






Nessun commento:

Posta un commento

Le mie storie di fili

In quanti modi si possono scrivere le storie? Con la penna certo, con la tastiera di un computer, con il pennello dipingendole, io le...