domenica 23 aprile 2017

Ricetta del buonumore

E' chiaro a tutti: io non faccio parte di quella fortunatissima schiera di persone che quando sono nervose si dimenticano di mangiare e dimagriscono; oppure del genere "non posso disturbarmi altrimenti non mangio" e se offri loro un craker ne mangiano la metà e lasciano l'altra dichiarando languidamente: "basta, sono piena". Io non sono niente di tutto ciò. Il mio grado di nervosismo è direttamente proporzionale alla quantità di ricette che riesco a sperimentare in un tot periodo di tempo e se riusciste a leggere i miei ultimi post... fatevi due conti ;). Lo so, mi starei lontana anch'io.
Oggi ho rispolverato la mia ricetta delle ferratelle (questo il link ), ma le ho volute rendere speciali e ne ho fatto dei pasticcini da accompagnare a una tisana di tè verde e fiori di violetta
Le ho tirate fuori dal ferro e, calde calde, le ho arrotolate, tuffate nel cioccolato fondente fuso a bagno maria e decorate con tanti confettini colorati
Credetemi, gustarle con un'amica in terrazzo, ciaccolando del più e del meno beandoci del tiepido sole primaverile, "disinnervosirebbe" anche l'incredibile Hulk!
Che dirvi: missione compiuta.

Nessun commento:

Posta un commento

Lavanda mon amour

Esistono degli odori che inconsciamente ci riportano indietro nel tempo, ci fanno immaginare un vissuto non vissuto se non nei ra...